Chiesa dei Santi Nazzaro e Celso

 
Chiesa dei Santi Nazzaro e Celso  

La chiesa dei Santi Nazzaro e Celso, del secolo XII-XV, è stata la prima parrocchiale di Cevo. Dalle origini della rettoria, nel sec. XII, fu staccata dalla Pieve di Cemmo, fino al 1536. La chiesa subì un profondo rifacimento nel 1489 e dopo il 1578, sulla base delle prescrizioni del visitatore diocesano mons. Giorgio Celeri. Questa chiesetta, che contiene opere di grande valore artistico, sorge su una rupe a strapiombo sull'impervia valle del Poglia, anticamente detto Sannazara. E' rimasta memoria di un rettore nell'anno 1299, ma la chiesa ha evidenti origini medioevali. E' una delle poche chiese camune che conserva il cimitero attorno alle proprie mura, suggestiva e commevente testimonianza di una "comunità" cristiana sorta debellando il paganesimo.
La facciata è semplice, con un frammento di pietra bianca. Il campanile del 1653, secondo la data scolpita sulla porta, è stato rialzato (prima era certamente un modesto campanile a vela)
L'interno, ad una navata con copertura a volta (sec. XVII), ha il presbiterio separato dalla platea, con una cancellata in ferro battuto del sec. XVII.

 
Affresco raffigurante
i Santi Nazzaro e Celso
 Portale

Affresco della scuola di Pietro Giovanni da Cemmo