Parrocchiale di San Vigilio

 
   

La chiesa di San Vigilio (sec. XV) è la parrocchiale di Cevo dal 1536. La chiesa antica è stata consacrata nel 1459 e ricostruita tra il 1593 e il 1596, dopo l'incendio del 1590; venne poi ampliata e allungata nel 1938, riproducendo le linee architettoniche barocche precedenti.
La facciata, del 1938, riproduce la semplicità architettonica della chiesa di San Sisto ed è in granito, con portale sormontato da una lunetta, pure in granito, e un finestrone con il tetto a capanna che, stilisticamente, non corrispondono per niente al barocco dell'interno.
Il campanile, del 1596, è in pietra, con alti archi a tutto sesto nella cella campanaria piramidata ed è sormontato da una croce in metallo, con pinnacoli e merlature ghibelline. Sorge a destra dell'abside.
L'interno, ampio, in bellissimo stile barocco, è a unica navata con sei altari laterali. Le tre campate della volta, con archi ellittici, si impostano sui pilastri, che hanno lesene alla base degli archi a pieno centro delle cappelle laterali e capitello corinzio- romano in stucco, sormontato dalle modanature a fascia del cornicione sul quale, al centro delle campane, si aprono le finestre unghiate, con il vertice sui medaglioni a cornice pensile mistilinea. Notevole è l'altare nuovo (1971), in marmo breccia fiorito, con il pallio in un solo pezzo di pernice rossa e intarsio centrale in marmi colorati.